L'UDITO

 

Il complesso apparato uditivo funziona grazie a numerosi elementi combinati tra loro e che trovano il proprio centro nevralgico nell'orecchio, divisibile in ben tre parti: l'orecchio esterno, l'orecchio medio e l'orecchio interno.

Ciascuna di queste parti presenta caratteristiche morfologiche differenti che ci consentono di recepire una gran quantità di informazioni sull'ambiente con cui interagiamo.


Per questo motivo è fondamentale prendersene cura, prestando attenzione a eventuali sintomi che potrebbero segnalare delle anomalie.

  ragaza 450

Gradi dell'Ipoacusia

diagrammaCi pesiamo in kg., misuriamo la nostra altezza in cm., monitoriamo il nostro ritmo cardiaco in battiti per minuto. Ma come misuriamo il nostro udito? 

Il nostro apparato uditivo percepisce il suono in base all'altezza ed alla loudness, rispettivamente come frequenza ed intensità. Le onde sonore a bassa frequenza producono suoni bassi, mentre quelle ad alta frequenza, suono più elevati.

Il Decibel (dB) è l'unità di misura utilizzata per quantificare la loudness, vale a dire il volume, la percezione uditiva dell'intensità sonora. Una gradevole conversazione, ad esempio ha un'intensità di 60 dB, un tosatore d'erba di 100 dB. L'orecchio umano risponde a suoni di intensità variabile, da  -10 dB a 120 dB.

La gravità dell'ipoacusia si valuta in base a quanto forte deve essere un suono, per poter essere udibile. I gradi dell'ipoacusia vengono stabiliti in base alla misurazione dell'audiogramma.